Le nostre radici

Home|Chi siamo|La nostra storia|Le nostre radici

Il sogno iniziale di Barbara, tra molte fatiche e tanto entusiasmo, inizia a prendere forma e si concretizza nel Natale del 1879, giorno in cui Barbara riceve l’abito francescano e il nome nuovo di suor Maria Giuseppa di Gesù Bambino, dando vita all’Istituto delle “Terziarie francescane di Gesù Bambino”. Questo nome, ricevuto in obbedienza alla provvidenza e alla storia, diventa anche il primo e costante riferimento per l’identità.

Dal volto e dallo stile di Gesù Bambino desideriamo imparare e trarre ispirazione e forza per poter contemplare, vivere e testimoniare il Dio Bambino, che tanto ci affascina e che continuamente tocca e trasforma la vita dell’uomo conducendola a pienezza.

Natale del 1879

Il momento carismatico

Il cammino fondazionale dell’Istituto, a L’Aquila,  si caratterizza come “momento carismatico”, “momento” durante il quale la Madre fa dono alle sue figlie della Regola manoscritta.

“La Regola sia la mia voce”

La famiglia cresce sostenuta dalla misericordia di Dio, dalla collaborazione dei frati minori osservanti, dal lavoro umile delle sorelle e dalla benevolenza della gente; nel 1885 si apre una casa a Guardiagrele (CH) e, nel 1888, Sr. Maria Giusepppa con alcune compagne si trasferisce a Santa Maria degli Angeli dove porta anche il noviziato.

Il desiderio di vivere e lavorare “all’ombra della Porziuncola” diventa realtà.

Seguono anni intensi di carità al servizio dei più deboli e di impegno per la stesura delle prime Costituzioni, presentate nel 1890. Molti sono i passaggi con cui Madre Maria Giuseppa non è d’accordo, come le modifiche al voto di povertà e il mancato accenno alla vita comunitaria.

In questi anni il confronto è vivo pur tra difficoltà e differenze di vedute che coinvolgono le prime sorelle e che portano a incomprensioni in seguito alle quali la stessa Madre non è confermata nella guida della famiglia religiosa (1894).

A Santa Maria degli Angeli Sr. Maria Giuseppa rimane fino al 1897: nove anni di lavoro intenso, di gioie e di dolore, di speranze deluse e di primavere promettenti.

Il tempo passa, un’eternità ci attende, una corona ci è preparata.

Suor Maria Giuseppa di Gesù Bambino trascorre i suoi ultimi anni a Roma tra Via Merulana e dintorni e Via di Porta Angelica; ogni luogo rivela un aspetto e una caratteristica particolari di predilezione con cui Dio ha guidato lei e l’Istituto da lei fondato. 

Suor Maria Giuseppa di Gesù Bambino muore in Assisi il 19 aprile 1909, presso le Suore Francescane Missionarie di Assisi (Suore del Giglio), nel segno della fiducia e della benedizione, nella certezza che l’istituto, da lei tenacemente riconosciuto come “cosa voluta da Dio”, vive, come l’esistenza di ognuno, attraversando e ripercorrendo le stesse tappe del mistero pasquale. 

La sua benedizione oggi arriva ancora a noi, sue figlie, che continuiamo l’opera da lei iniziata.

cosa voluta da Dio

Codeste figlie, tutte riabbraccio e benedico mille volte, implorando da Dio, Uno e Trino, la pienezza delle Serafiche benedizioni su tutte.