Bolivia

Home|Dove siamo|Bolivia

(Vic. Apost. Camiri)

Il nostro Istituto è presente in Camiri dal 1962, quando era un piccolo paesello, privo di tanti servizi. L’invito del Vescovo era motivato dall’urgenza della formazione dei bambini, dei giovani e delle ragazze.

Nel 1964 con l’apertura della nuova scuola “Niño Jesùs”, si é iniziato un cammino di ‘speranza per il futuro di Camiri’.

Gli obiettivi della nostra opera sono di offrire una formazione integrale con la scuola, promuovere la dignità della donna con la scuola di ‘taglio-cucito’, favorire la crescita nella fede attraverso la pastorale parrocchiale.

Nel 1965, ebbe inizio la scuola media superiore e, successivamente, gli altri gradi e un Centro di calcolo. Oggi la Scuola è frequentata da oltre 500 alunni. Nel campo assistenziale, si porta avanti l'”Hogar dei Bambini”, in due strutture distinte, con quasi un centinaio di bambini(e)/ragazzi(e) dai 4 ai 18 anni con diverse situazioni di povertà: abbandono, solitudine, malattie, mancanza di mezzi di sussistenza.

Il sostentamento soltanto in parte è a carico del Governo. Le suore incaricate, per offrire condizioni dignitose ai bambini, si impegnano a cercare aiuti, soprattutto dall’Italia. Grazie alle adozioni a distanza e offerte varie, è possibile garantire cibo, cure, istruzione e assistenza ai bambini.

Un ulteriore aiuto proviene dalla generosità di giovani che trascorrono qualche periodo a Camiri sostenendo la crescita dei bambini e dei ragazzi con le loro prestazioni materiali, didattiche, ludiche ed anche economiche.Sebbene oggi Camiri sia una città di 100.000 abitanti, non mancano le disuguaglianze, le povertà, il degrado e l’abbandono dei minori.

(Dioc. Cochabamba)

Presenti nella Diocesi di Cochabamba dal 1997, al servizio della formazione delle giovani donne dell’area rurale (campesinas) e della periferia della zona, ci impegniamo ad educarle ai valori umano-cristiani e sociali, ad offrire loro gli strumenti per migliorare la qualità della vita della donna ‘campesina’ e contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economica.

Il servizio è ampio anche per coinvolgere e sostenere le “giovani” donne e ragazze, ad usufruire di 2 o 4 anni di formazione, in modo che ritornando nei loro luoghi di origine possano prestare un servizio umanitario-cristiano alla loro popolazione.

In questo modo si realizza l’auspicio di Madre M. Giuseppa che voleva che fossero istruite “le figlie del popolo perché si rendessero utili a se stesse, alla famiglia e alla società”.

La formazione che proponiamo prevede due diversi percorsi pedagogici: scuola magistrale per ausiliarie di educazione iniziale e la scuola serale per gli adulti. Per questi ultimi sono attivi i corsi della scuola primaria e secondaria, corsi completi di sartoria per donna e uomo, di gastronomia, di parrucchiera, di informatica, di panetteria. Attraverso la scuola, la missione raggiunge le famiglie della periferia.

Tutte le volte che se ne presenta l’occasione, la fraternità non si sottrae alla richiesta di consigli, ascolto, conforto. Inoltre, le suore sono impegnate nella preparare ai sacramenti, nell’ insegnamento della religione nelle scuole statali, nell’animazione liturgica in parrocchia, nella pastorale familiare, nella catechesi e nella pastorale giovanile-vocazionale.

(Dioc. S. Cruz)

Casa San Josè, è stata fondata il 22 giugno 1982. La nostra è una presenza semplice. Oltre all’ insegnamento della religione e la pastorale, la fraternità accoglie sempre con gioia le sorelle delle fraternità vicine di Camiri e di Cotoca, o provenienti dalla Bolivia.

Siamo impegnate nell’insegnamento di religione nella scuola dei “Fratelli delle Scuole cristiane de La Salle” e nella scuola parrocchiale “La Santa Cruz”.

Il nostro servizio ci vede impegnate anche in parrocchia, nella pastorale e nella catechesi.

Santa Cruz de la Sierra è la seconda città della Bolivia per popolazione, con oltre 2.000.000 di abitanti. Il livello socio-economico è alto, ma non mancano i poveri che ogni giorno bussano anche alla nostra porta e che cerchiamo di aiutare col sostegno economico, secondo le nostre modeste possibilità, ma anche con l’accoglienza e una parola di vicinanza e incoraggiamento.

Molto sviluppato è il commercio, perché confina con l’Argentina, il Brasile e Paraguay.
Il livello culturale è alto. Ciò è dovuto principalmente alle congregazioni religiose presenti in questa città. Queste hanno contribuito allo sviluppo della città con scuole, collegi, università, istituti, seminari e altri centri di lavoro.